JBL Charge 3 Recensione

9
  • Voto 9
Offerta

Ci sono un milione di altoparlanti Bluetooth sul mercato, ma JBL è sempre stato vicino alla vetta. La sua linea di diffusori Charge è uno dei pochi altoparlanti Bluetooth là fuori che ti consente di ricaricare il tuo smartphone mentre ascolti la musica; da qui il nome Charge. Vediamo in questa recensione come si comporta l’ultimo terminale della serie, ovvero il JBL Charge 3

Leggi Anche: Migliori diffusori Bluetooth del momento

Packaging e dotazione

  • JBL Charge 3
  • Blocco per la ricarica
  • Cavo USB/Micro USB
  • Manuale

Design e qualità costruttiva

Vengo fuori e lo dico: JBL Charge 3 è un grande oratore. Non c’è modo di aggirarlo. A 213 x 87 x 88,5 mm, l’altoparlante occuperà un bel po ‘di spazio nel tuo zaino o nella tua borsa e, a 1,76 libbre, ti appesantirà. È più grande del minuscolo JBL Flip 4, ma non così pesante come il JBL Xtreme.

JBL Charge 3 design d'impatto

Tuttavia, ciò che si ottiene per avere un diffusore così grande è di 20 ore di durata della batteria e impermeabilità.

Infatti, il precedente Charge 2 era a prova di spruzzi, ma JBL ha fatto un ulteriore passo in avanti con il Charge 3. Questo nuovo modello è impermeabile IPX7, il che significa che è possibile immergere l’altoparlante fino a un metro di acqua per 30 minuti.

Una fila di pulsanti sul fianco offre la consueta serie di controlli: abbinamento Bluetooth, regolazione del volume e riproduzione/pausa, che è possibile premere due volte in rapida successione per saltare un brano, o tenere premuto per chiamare Siri o l’assistente Google di Android dello smartphone. Non è possibile invece cambiare traccia a ritroso.

Nel mezzo, vicino al pulsante di accensione, ne troviamo uno che sembra un incrocio tra una clessidra e il simbolo dell’infinito. Viene utilizzato per attivare la funzione JBL Connect, che consente di collegare altri prodotti JBL per formare una sinfonia di altoparlanti che riproducono tutti la stessa melodia dallo stesso telefono. Funzionalità veramente divertente.

JBL Charge 3 controlli in line

Sul retro c’è uno scompartimento che copre le varie porte: una micro USB per la ricarica, un ingresso da 3,5 mm e un’altra presa che di solito non si vede sugli altoparlanti Bluetooth portatili: una porta USB di dimensioni standard.

Il Charge 3 che ho provato era nella colorazione rossa, ma è commercializzato in diverse varianti (blu, nero, grigio, mimetico, rosso, verde acqua).

Connettività e microfono

Se la qualità della costruzione è buona, la connessione è incredibile su questa cassa grazie allo standard Bluetooth 4.1. Senza pareti sono riuscito a ottenere una connessione stabile fino a circa 15-18 metri. Una volta che tra lo smartphone e il Charge 3 vi sono alcune pareti, il segnale rimane stabile fino a circa 9-10 metri.

JBL Charge 3 packaging

Dispone anche di un microfono incorporato che consente di utilizzarlo come vivavoce per le chiamate. Nel complesso, i miei amici e la mia famiglia hanno trovato la qualità del microfono chiara e molti non si sono resi conto che stavo parlando attraverso un altoparlante.

Come suona

Come ho già detto, il JBL Charge 3 è un diffusore portatile dalle grandi dimensioni e fortunatamente queste si traducono in un grande suono. Questo speaker gira davvero bene e non avremo di certo problemi in una grande stanza. All’esterno, possono proiettare il suono abbastanza lontano, ma il meglio lo danno a circa 6-7 metri.

Nonostante sia quasi interamente cilindrico, il suono che proviene dal Charge 3 è piuttosto unidirezionale. Ciò non significa che suoni male se ci troviamo dietro di esso, ma semplicemente non potremo assaporare al meglio i 20 W di potenza a meno che non ci troviamo di fronte ad esso.

JBL Charge 3 come suona

E’ bene specificare che anche se ha un ingresso da 3,5 mm, abbiamo fatto tutti i nostri test in modalità Bluetooth utilizzando i telefoni cellulari.

Questo Charge 3 offre alcuni dei bassi più profondi e potenti che abbia mai sentito in un altoparlante portatile senza fili. La risposta dei bassi dà il meglio di sé su una superficie piana che può aiutare a risuonare parte del suono, come un tavolo o il bordo piscina.

Durante le prove ho ascoltato una grande varietà di generi e sono rimasto impressionato dal modo in cui ha gestito tutto ciò che ho riprodotto. L’altoparlante ha suonato ad alta voce senza distorsioni e sono rimasto sempre impressionato dalla qualità e quantità dei bassi offerti dall’altoparlante; inoltre gli alti non diventano mai duri.

Forse troppo “rumoroso” per un ascolto audiofilo, ma è perfetto per essere portato fuori.

Autonomia

La durata della batteria è specificata a 20 ore, e questo è più o meno quello che abbiamo ottenuto durante i test. Ma tieni presente che ricaricare i tuoi dispositivi probabilmente ti farà perdere qualche ora di autonomia.

Infatti, è possibile utilizzare il Charge 3 come un vero e proprio caricabatterie portatile grazie alla batteria da 6000 mAh. Non è esattamente un sostituto di un power bank a livello di prestazioni, ma è certamente utile avere questa opzione extra.

Verdetto

Con Charge 3, JBL trova davvero quello che penso sia il perfetto compromesso tra suono e dimensioni. Anche se è comunque abbastanza portatile, l’UE Boom 2 è un’opzione migliore se vuoi un dispositivo dalle dimensioni contenute. Ma se vuoi il mix perfetto, non posso che consigliare il Charge 3. È potente e dalla buona resa sonora, ma non è così grande da essere un peso.

Offerta
JBL Charge 3 Recensione
Dacci un voto
9
  • Voto 9
Potrebbe piacerti anche